I CAPELLI GRIGI AUMENTANO IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE
13 Aprile 2017
Tutto quello che c’è da sapere sul trapianto di grasso, l’intervento che sta rivoluzionando la chirurgia plastica
17 Maggio 2017
Show all

SESSO E CARDIOPATIE: SI PUO’ FARE?

SESSO E CARDIOPATIE: SI PUO' FARE?

SESSO E CARDIOPATIE: SI PUO' FARE?

Tra i tanti interrogativi che la malattia insinua nel paziente c’è una domanda che sorge spontanea: si può tornare senza problemi ad una normale vita sessuale dopo un infarto?



Tra i tanti interrogativi e ansie che la malattia insinua nel paziente, nel caso particolare dei cardiopatici, c’è una domanda che sorge spontanea e fa da sfondo alla vita e alle conversazioni sull'argomento: si può tornare senza problemi ad una normale vita sessuale dopo un infarto, un ictus o l’installazione di un pacemaker?
I malati hanno comprensibilmente paura, ma sembra che i timori siano infondati.
Almeno, così sostiene Graham Jackson, cardiologo del Guy & St. Thomas’ Hospital di Londra.
Secondo lo specialista, pensare che il sesso sia particolarmente stressante per il cuore, è sbagliato, giacché l’attività sessuale con il proprio partner equivale a un esercizio fisico con un dispendio energetico di moderata intensità.
Esiste un’unità di misura per determinare il dispendio, ed è il Met: ebbene, paragonando in Met delle varie attività sessuali (masturbazione, amplesso, etc.) con attività pudiche come stirare, o lavare i pavimenti, si vede che la differenza è minima, e tutta a vantaggio del sesso.
Se fare l’amore con il proprio partner comporta un dispendio di 2.5 /3 Met (dipende dalla posizione assunta), lavare i pavimenti richiede ben 3.3 Met!
È importante quindi che i cardiologi informino sulla ripresa dell’attività sessuale ogni singolo paziente che arriva in ospedale per una angioplastica o un infarto, superando paure e imbarazzi reciproci.
Naturalmente non esistono ricette universali valide per tutti, e i consigli dovranno essere personalizzati, caso per caso, ma la possibilità reale di tornare a una normale vita sessuale, può essere un contributo importante al superamento dell’ansia e ad un veloce e misurato ritorno alla vita normale.br />

Prenota oggi stesso una semplice visita di controllo con uno dei nostri cardiologi



Caricamento in corso ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *